Seconda prova nazionale di qualificazione per i Campionati Italiani Assoluti di Scherma.

Il Pala Expomar di Caorle ha ospitato nell’ultimo fine settimana di marzo la seconda prova nazionale di qualificazione per i Campionati Italiani Assoluti di Scherma. L’obiettivo per gli atleti del Club Scherma Cremona con uno spadista e una spadista era la conquista del diritto a partecipare ai Campionati Italiani Assoluti, in programma a Palermo dal 6 al 9 giugno. Solo 40 sono gli atleti ammessi a contendersi lo scudetto tricolore agli Assoluti, con i primi 24 provenienti dalle due prove nazionali e i restanti 16 dalla prova unica, la Coppa Italia, che si disputerà ad Ancona dal 10 al 12 maggio.

Nella Prova di spada maschile un determinato Francesco Lucci si classifica al 37° della classifica finale con 285 spadisti in gara. La fase a gironi vede Francesco Lucci molto concentrato ottenere sei vittorie su sei , prestazione che lo porta nella parte alta della classifica consentendogli di saltare di diritto il primo assalto delle dirette. Francesco tira poi per entrare nei primi 64 della gara e con una grandissima rimonta risulta vincitore del match per 15-14 contro Colautti di Trieste, nel turno per entrare nei 32 Francesco cede a Rainieri di Roma e si posiziona 37° finale. Ottimo risultato per il portacolori cremonese che gli consente di accedere direttamente alla Finale di Coppa Italia prevista ad Ancona dal 10 al 12 maggio dove Francesco tenterà l’ammissione ai Campionati Italiani Assoluti di Palermo.

Unica spadista cremonese qualificata a questa seconda Prova Nazionale Marianna Mari classe 2000, in continua maturazione agonistica che si è classificata al 116° posto finale. Per la diciottenne Marianna Mari tre vittore nelle qualificazioni la fanno accedere alla fase delle dirette ma lo stop arriva per l’accesso ai 64 contro la romana Cesarini, atleta d’esperienza in forza al Club Scherma Roma.